Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Foto Jacopo Salvi
Foto Andrea Avezzù

Biennale Arte 2019 ha chiuso il 24 novembre 2019 confermando i 600.000 visitatori previsti (593.616) oltre ai 24.762 partecipanti della settimana di pre-apertura

Ecco come il presidente Baratta ha commentato i risultati:
“Il 58 ° Esposizione Internazionale d’Arte si chiude oggi. Sono passati ventuno anni dalla riforma della Biennale. Attraverso il suo titolo – May You Live In Interesting Times – la 58a edizione ci ha incoraggiato a considerare sempre il corso degli eventi umani nella loro complessità, e questo incoraggiamento sembra particolarmente importante in un momento in cui un senso di semplificazione eccessiva, derivante da conformismo e paure, troppo spesso prevale. Interpretandolo come tale, questo titolo riassume anche le stesse ragion d’essere di una Biennale. Oltre al titolo, questa mostra è stata contrassegnata da un peculiare senso di consapevolezza del rapporto rilevante con i visitatori stessi, così come le precedenti mostre allestite negli ultimi due decenni dalla riforma della Biennale. In effetti, tutte le Biennali hanno mirato al coinvolgimento dei visitatori, permettendo loro di prendere parte alla riflessione sull’arte e all’autoindagine che gli artisti contemporanei svolgono su se stessi ”.

“L’obiettivo era quello di migliorare l’incontro tra visitatori e opere d’arte , che qui si incontrano come se fossero in procinto di prendere vita, nonché di promuovere l’impegno dei visitatori, promuovere la loro conoscenza e consapevolezza , sviluppare un senso di rispetto e attenzione verso l’autonomia dell’arte, e quindi verso le scelte autonome, unilaterali e tuttavia trasparenti fatte dal curatore. Il ruolo della Biennale è stato inteso come quello di un’istituzione impegnata nella promozione di una società libera, aperta e consapevole di sé “.

“Abbiamo apprezzato l’impegno dei paesi partecipanti, che sono aumentati di numero (90), per la loro decisione entusiasta di partecipare e l’effettiva partecipazione a questa grande conversazione sull’arte , una conversazione che si svolge in un clima di straordinario pluralismo grazie alle loro scelte organizzative.“

“Ancora una volta, il numero di visitatori è di circa 600.000, nonostante le difficoltà incontrate nelle ultime settimane. Gran parte di loro sono giovani e questa cifra è ancora in aumento. I visitatori sono diventati il ​​partner principale della Biennale. Il loro contributo al rispetto delle condizioni di autonomia e libertà su cui si basa l’Esposizione è quindi cruciale.”

“Nei tempi difficili di queste ultime settimane, abbiamo sentito sempre più fortemente un senso di responsabilità derivante dal nostro lavoro, che accade in e per una città che ci ospita e ci regala bellezza, una città a cui vorremmo restituire almeno una parte di ciò che ne ricaviamo.”

“Ci stiamo avvicinando alla fine della mostra. Sono ora in corso gli affollati Meetings on Art e un programma di performance supportato da Arts Council England. Stasera, ci riuniremo a Ca ‘Giustinian per celebrare e mostrare la nostra gratitudine verso tutti coloro che sono alla Biennale e in questa città che hanno collaborato alla realizzazione di questa mostra; ringrazeremo Ralph Rugoff e il suo team e aspettiamo con impazienza ciò che verrà dopo.”

“Infine, stiamo lanciando un libro di consultazione che copre tutte le edizioni della Biennale Arte dal 1895 all’ultima, Esposizione Internazionale d’Arte, La Biennale di Venezia, 1895-2019, a cura dell’Archivio Storico La Biennale, editore La Biennale di Venezia (seguendo i passi del volume sulla storia del Festival del cinema pubblicato due mesi fa).”

Le Partecipazioni
79 artisti invitati alla mostra
90 partecipazioni nazionali
30 partecipazioni nazionali negli storici padiglioni dei Giardini
25  partecipazioni nazionali all’Arsenale (Italia compresa)
35 partecipazioni nazionali in giro per la città di Venezia
4 partecipazioni nazionali che partecipano per la prima volta: Ghana, Madagascar, Malesia e Pakistan. La Repubblica Dominicana ha partecipato per la prima volta con il proprio padiglione alla Biennale Arte; aveva partecipato come parte di IILA in passato.
2 progetti speciali: padiglione delle arti applicate in collaborazione con Victoria e
Albert Museum, London; Forte Marghera Special Project in Mestre
21 Eventi collaterali

Vale la pena notare che la mostra di quest’anno è stata visitata anche da molti personaggi del cinema o dello spettacolo, come Brad Pitt, Julie Andrews, Atom Egoyan, Tim Robbins, Lucrecia Martel, Rodrigo Prieto, Shin’ya  Tsukamoto , Emir Kusturica, Laurie Anderson, Chiara Ferragni e Fedez, Susanna Nicchiarelli.

Sessioni della Biennale
Il progetto Sessioni della Biennale , che è dedicato a università e accademie di belle arti, ricerca e istituzioni educative nelle arti visive e campi correlati, ha facilitato la visita della mostra per il decimo anno consecutivo per gruppi di studenti e insegnanti, registrando ancora una volta un frequenza di università straniere.
69 università affiliate, di cui 19 università italiane e 50 università straniere di tutti i continenti ; con 9 università affiliate ciascuna, Germania e Regno Unito al secondo posto, seguite dagli Stati Uniti d’America (7).
4.554 studenti universitari sono stati coinvolti nel progetto.

Educational
34.858 giovani e studenti hanno partecipato ad attività educative
1.655   gruppi
7.227 insegnanti coinvolti nelle attività educative nei luoghi della mostra
3.729   insegnanti hanno partecipato ai giorni di anteprima dedicati
783 scuole partecipanti, di cui:
64 asili nido
117 scuole elementari
65 scuole medie
537 scuole secondarie
Tra le scuole più lontane dall’Italia c’è il St Cuthbert’s College (Auckland) e la Burnside High School (Christchurch), entrambe provenienti dalla Nuova Zelanda. Tra le scuole secondarie straniere, un gran numero proveniva da Germania , Austria e Svizzera. Il 16% dei partecipanti alle attività educative proviene dalla Provincia di Venezia, area metropolitana della città.

cataloghi attivi
Un importante contributo alla Mostra è arrivato ancora una volta dai nostri cataloghi attivi: i visitatori hanno apprezzato il lavoro di questi giovani laureati, in piedi in tutta la Fiera secondo un progetto editoriale con l’obiettivo di diffondere informazioni su di esso.

La stampa
Ecco come la stampa ha descritto “La Biennale di Venezia” e commentato la Biennale Arte 2019:
La Biennale di Venezia è il più grande e influente sondaggio al mondo di ciò che gli artisti attualmente fanno dei tempi in cui viviamo .” – Scott Reyburn, The New York Times.
“ La Biennale è senza dubbio la mostra più prestigiosa del mondo, piena di storia e anche ammantata di mito. E è cambiato molto nel corso degli anni. […] La risposta spesso ripetuta è che sono “le Olimpiadi del mondo dell’arte”, che catturano parte dello spirito internazionale della vicenda ma richiedono molte più spiegazioni. Questo perché la Biennale di Venezia è diversa da qualsiasi altra biennale d’arte esistente. Piuttosto che essere solo un grande spettacolo organizzato da un fortunato direttore artistico, è un festival selvaggio e a ruota libera composto da numerosi elementi: un branco di arte che nemmeno il ghiottone più vorace potrebbe sperare di consumare . ”- Andrew Russeth, Artnews.
” La Biennale di Venezia è la mostra d’arte più prestigiosa al mondo, un simbolo, e questo l’ha mantenuta viva in innumerevoli altre biennali e fiere d’arte in tutto il mondo .” – Daghild Bartels, Neue Zürcher Zeitung.
I 79 artisti di tutto il mondo scelti da Rugoff per la proposta A all’Arsenale e la proposta B al Padiglione centrale ai Giardini ci raccontano un mondo in cui di cose da mettere a posto ce n’è davvero tante… Ogni visitatore può costruirsi la propria narrazione… una sorta di grande tela di ragno in cui farsi intrappolare.” – Rocco Moliterni, La Stampa.
Viviamo in tempi così, dove è più facile lamentarsi e pensare al peggio, ma è pur sempre il migliore dei mondi possibili e questa mostra ci restituisce l’idea di un’arte contemporanea che il suo tempo lo sa ancora interpretare.” – Luca Beatrice, Il Giornale
Il ritratto più convincente dell’arte contemporanea degli anni .” – Laura Cumming, The Observer / The Guardian.
” La Biennale di Venezia 2019 è un passaggio di indimenticabili, netti contrasti, cacofonie e sussurri, luce e oscurità: drammi visivi che mettono a nudo le criticità sociopolitiche come nessun altro evento artistico internazionale può fare .” – Jackie Wullschläger, Financial Times
“ Sono venuto qui perché tutti coloro che amano l’arte vogliono essere qui. Ma sono anche venuto qui perché sono curioso della lingua parlata da Rugoff … la sua mostra è stranamente divertente, raffinata, animata e coinvolgente . ” – Philip Kennicott, The Washington Post.

 Web e social media
2,009,454 visitatori unici da maggio 11 di novembre 23(+ 32,06% rispetto al 2017)
3,284,774 sessioni da maggio 11 di novembre 23 (+ 41,16% rispetto al 2017)
9,530,316  pagine viste da maggio 11 a novembre 23 ° (+ 37,56% rispetto al 2017)
Dispositivi / Utenti:
Smartphone: 1 , 118 , 343 (+ 66,22% rispetto al 2017)
Desktop: 769,156
Tablet: 116,711
FACEBOOK
377,110 fan page totale a partire dal 24 novembre + 32.012 dall’apertura della Biennale Arte 2019
TWITTER
707,166 seguaci pagina totale a partire dal 24 novembre Biennale Architettura 2018: 701,559)
INSTAGRAM
470,835 seguaci pagina totale a partire dal 24 novembre + 105.051 dall’apertura della Biennale Arte 2019
YOUTUBE BIENNALE CHANNEL
29.641 abbonati del 24 novembre
I video di tutti gli eventi della mostra e le interviste con tutti i partecipanti sono disponibili sul canale della Biennale https://www.labiennale.org/it/ biennale-channel