Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

25 febbraio 2016 - El Canto Pintado - AMBASCIATA DEL CILE, Sala Pablo Neruda

Curatore Johnny Dell’Orto

La musica e le parola degli Inti Ilimani, ci riportano enevitabilmente indietro nel tempo, al di là delle ideologie e delle proprie convinzioni politiche. Quelle canzoni ci hanno da sempre uniti creando magicamente un senso di grande e rara solidarietà, d’impegno nei confronti non solo della dittatura che aveva travolto il Cile, ma anche nei confronti di qualsiasi atrocità che il mondo democratico avesse subito. Quei suoni e quelle parole sono diventati simboli di un impegno sociale che molti di noi continuano a intonare come metafore di libertà e giustizia.

Con queste parole Johnny Dell’Orto, curatore della mostra, propone una serie di visioni di quelle metafore attraverso le opere di alcuni artisti cileni che da anni vivono e lavorano in Italia.

Dipingere canzoni degli Inti Illimani è dipingere parte della storia politica, sociale e culturale del Cile. Il lavoro realizzato da questo gruppo di artisti residenti in Italia, ci offre l’opportunità di riportare alla memoria la musica e i testi di un’epoca carica di sogni, ideali ed utopie, in cui pensavamo che era possibile un Cile diverso, più giusto, democratico e libero certamente come pensò il Presidente Salvador Allende, sottolinea l’Ambasciatore del Cile in Italia Fernando Ayala.

Opere di Marcella Bonfanti, Eduardo Carrasco, Sergio Covarrubias, Pilar Dominguez, Silvio Espinosa, Enzo Modolo, Agustin Olavarria, Lorena Pedemonte e Jaime Poblete.

AMBASCIATA DEL CILE
Sala Pablo Neruda
Viale Liegi 00198 Roma
a.arevalosagredo@gmail.com